La conferenza PD su “Una nuova governance per l’aerospazio”

Giovedì 15 giugno 2017, presso la sede del Partito Democratico, si è tenuta una conferenza dal titolo “Una nuova governance per l’aerospazio”. Il convegno è stato moderato da Salvatore Tomaselli, Capogruppo PD della X Commissione Senato della Repubblica, relatore al disegno di legge “Riordino delle competenze governative in materia di politiche spaziali e aerospaziali”, approvato al Senato il 24 maggio 2017 (DDL Aerospazio). Il DDL Aerospazio si propone di dare una base normativa all’azione dei principali stakeholder nazionali in maniera da far fronte alle opportunità e alle sfide che sono…

Leggi

All’esame del Parlamento due trattati in tema di ricerca scientifica

Presso la 3ª Commissione del Senato è all’esame il DDL 2772 Ratifica ed esecuzione dei seguenti trattati: A) Convenzione relativa alla costruzione e all’esercizio di un impianto laser europeo a elettroni liberi a raggi X, con allegati, fatta ad Amburgo il 30 novembre 2009; B) Protocollo di adesione del Governo della Federazione russa alla Convenzione del 16 dicembre 1988 sulla costruzione e sulla gestione del laboratorio europeo di radiazione di sincrotrone (ESRF), fatto a Grenoble il 23 giugno 2014 e a Parigi il 15 luglio 2014. La costruzione e all’esercizio…

Leggi

CNR: i concorsi banditi nel 2013 e ancora non terminati nel 2017

L’ANPRI ha inviato una lettera al Presidente del CNR, Prof. Massimo Inguscio, sollecitando il suo intervento in merito ai concorsi banditi il 2 ottobre 2013 per evitare che essi arrivino a scadenza senza aver completato i lavori. Si tratta dei Bandi: Primo ricercatore, Area Dipartimentale Scienze Umane e Sociali, Patrimonio Culturale, e Area Dipartimentale Ingegneria, ICT e Tecnologie per l’Energia e i Trasporti (364.173); Dirigente di ricerca, Area Dipartimentale Scienze Umane e Sociali, Patrimonio Culturale (364.172), sulla cui storia infinita abbiamo già parlato nelle Newsletter n. 4 e 5 del…

Leggi

Venti di ristrutturazione della rete scientifica al CNR. Ma ai ricercatori e tecnologi non è consentito partecipare

Una nuova stagione di caccia che si è aperta al CNR ormai da alcuni mesi, con gli Istituti piccoli o grandi e le loro sedi secondarie nel ruolo di tordi e beccacce, la chiusura e la derubricazione a sede di lavoro di diverse piccole sedi secondarie. Ciascun Direttore di Dipartimento sta procedendo, più o meno lentamente, in tal senso. In questi giorni, però, il processo ha forse subito un’improvvisa accelerazione, a seguito della richiesta ai Direttori di Dipartimento, da parte del Presidente del CNR, di fornire rapidamente un piano di riduzione…

Leggi

Nuova trasmissione di Report: CNR ancora sotto accusa

Terza puntata della trasmissione Report, anche questa volta fonte di rammarico e frustrazione per il personale del CNR, che vede il proprio ente accusato di illeciti gravi a causa del comportamento di pochi individui, con un danno di immagine che si ripercuote necessariamente sulle attività dei ricercatori, dei tecnologi e di tutto il personale impegnato nella ricerca. E che, inoltre, non vede l’avvio di provvedimenti, a tutela dell’Ente stesso e dei suoi dipendenti, volti ad impedire il ripetersi di questa situazione. Di seguito il link dal quale si può ascoltare…

Leggi

L’ANPRI scrive alla Ministra Fedeli chiedendo modifiche allo Statuto del CNR

L’ANPRI ha scritto una lettera alla Ministra Fedeli sollecitando un suo intervento riguardo le modifiche da apportare allo Statuto del Consiglio Nazionale delle Ricerche che, approvato dal Consiglio di Amministrazione dello stesso CNR in data 9 maggio c.a., non soddisfa le disposizioni del D.lgs. n. 218/2016. Fra i vari rilievi proposti, l’ANPRI pone in particolare l’accento sul mancato accoglimento da parte del C.d.A. della richiesta di ampliare a due il numero dei rappresentanti dei Ricercatori e Tecnologi nel C.d.A. e riservare, in corretta applicazione del D.lgs. n. 218/2016, art. 2,…

Leggi

INGV: riconosciuto il diritto alla stabilizzazione dei precari

Il 27 aprile è stata pubblicata la Sentenza n. 406/2017 RG n.4927/2011 del Tribunale di Bologna Sezione Lavoro, relativa al ricorso proposto nel 2011 da alcuni precari dell’INGV contro la mancata stabilizzazione da parte dell’Ente in applicazione delle leggi di stabilizzazione succedutesi per il comparto ricerca (296/2006 e 244/2007), nonché in forza del CCNL art. 5, comma 2 e della Direttiva della Commissione Europea 1999/70/CE. Il Tribunale ha accertato che nel marzo 2017 la dotazione organica dell’INGV prevedeva ancora la disponibilità di 100 posti di vacanze organiche e la lista…

Leggi

INFN: si procede verso il nuovo Statuto con qualche novità

Anche all’INFN si lavora sulla revisione dello Statuto in relazione all’applicazione del D.Lgs. 218/2016. Per quanto riguarda l’attuazione alla lettera n) dell’art.2 del decreto relativa alla “rappresentanza di R&T negli organi scientifici e di governo”, l’ente ritiene che la rappresentanza negli organi scientifici e di governo nell’INFN sia già ampia. Si è quindi proceduto alla totale equiparazione di Ricercatori e Tecnologi ammettendo che anche i Dirigenti Tecnologi possano accedere al ruolo di presidente dell’ente, cosa che rappresenta una sostanziale novità rispetto all’impianto iniziale. Inoltre, il rappresentante dei ricercatori nel nuovo statuto diventerà rappresentante sia…

Leggi

CREA, superiore alle previsioni l’impatto dell’incorporazione di INRAN e INEA sulla spesa di personale

La Corte dei Conti – Sezione del controllo sugli Enti, nella sua Relazione sull’esercizio 2015 del CREA pubblicata nei giorni scorsi, tra gli altri rilievi mossi all’Ente, lamenta anche che nel 2015 la spesa per il personale è risultata ancora in aumento, a causa di un incremento tanto della spesa per stipendi ed assegni quanto di quella per oneri previdenziali ed assistenziali, ma, soprattutto, per l’assorbimento dal 1 gennaio 2015 di pressoché tutto il personale a tempo indeterminato, determinato ed occasionale dell’INEA. L’impatto dell’incorporazione dell’INRAN, prima, e dell’INEA, poi, è…

Leggi

I precari degli enti di ricerca domandano risposte. Subito.

Che il precariato sia un problema cruciale della ricerca italiana è cosa nota. Che esso affligga con particolare durezza gli enti di ricerca è forse meno noto. Privi di risorse ordinarie a causa dei tagli fortissimi che il Fondo di finanziamento ordinario ha subito, soggetti a vincoli molto stringenti sull’assunzione di nuovi ricercatori e sulle progressioni di carriera, gli Enti tutti hanno situazioni che possono diventare esplosive. Nascono dunque iniziative spontanee (vedi per esempio il movimento ‘Precari uniti CNR’), di protesta organizzata che ha avuto un momento importante di riflessione…

Leggi
Vai alla barra degli strumenti