Comunicati Comunicati SZN 

SZN: Comunicato del 12 gennaio 2023 Elezioni del membro interno del Consiglio Scientifico

 

 

In merito alle prossime elezioni del Consiglio Scientifico (CS) della SZN, che prevedono l’elezione da parte dei R&T della SZN di due consiglieri scientifici, di cui uno afferente ad ente di ricerca straniero e il secondo scelto tra il personale R&T dell’Ente, la FGU-DR-ANPRI fa notare quanto segue:

  1. Ai sensi dell’art. 11, comma 3, lettera c) del Regolamento di Organizzazione e Funzionamento (ROF), “Il Presidente del comitato elettorale invia le candidature al Consiglio Scientifico uscente che seleziona la rosa di candidati a membro del consiglio di cui al comma 2) lettera a) del presente articolo, con il maggior prestigio scientifico internazionale e capaci di rappresentare, ove possibile, le diverse competenze scientifiche espresse dall’Ente e le comunica al Presidente del comitato elettorale”. Tuttavia, i membri del CS della SZN sono nominati in date differenti e i loro mandati hanno scadenze differenti. Di conseguenza, non esiste nella realtà un “Consiglio Scientifico uscente” e la suddetta norma del ROF determina una anomala situazione di palese conflitto di interesse, dato che ad alcuni membri del CS viene attribuito il potere di selezionare i candidati con i quali dovranno operare in seno al CS.
  2. Il CS in carica, non solo ha effettuato una selezione che non era abilitato a fare in quanto palesemente non “uscente”, ma ha anche adottato criteri di selezione della rosa di candidati poco chiari e certamente non chiariti prima della presentazione delle candidature. Infatti, la selezione effettuata sembra aver voluto rispettare un equilibrio di genere o di appartenenza a Dipartimenti diversi, criteri non specificati né nel ROF, né nell’Avviso pubblico, e che del resto non erano stati applicati nella precedente elezione dei membri eletti del CS, dove si erano presentate due candidate dello stesso genere ed appartenenti allo stesso Dipartimento.
  3. Il ROF prevede che “Il numero di potenziali candidati idonei deve essere pari ad almeno il doppio dei posti eleggibili, ovvero non meno di 2 e non superiore a 4 per i candidati interni all’Ente e di non meno di 4 ma non oltre 8 per quelli afferenti a istituzioni straniere”. Ma nel caso delle attuali elezioni si è voluto ridurre il numero dei candidati da 3 a 2, ben al di sotto del massimo consentito, senza apparente necessità, almeno numerica.
  4. Il comma 4 dell’art. 11 del ROF prevede che “I componenti del Consiglio Scientifico durano in carica tre anni e possono essere rinnovati al massimo due volte”. È evidente che la facoltà di rinnovare (per un massimo di due volte) i componenti del CS sia limitata ai due componenti indicati dall’Accademia dei Lincei e ai due componenti individuati dal Presidente, e non già anche ai consiglieri (interno e esterni) eletti dai R&T della SZN. Sembra invece che uno dei consiglieri esterni eletto nella precedente tornata abbia espresso la volontà di essere rinnovato, togliendo ai R&T della SZN la possibilità di confermare o no la precedente scelta.

In conclusione, la FGU-DR-ANRPI chiede che la procedura di elezione dei membri eletti dai R&T della SZN venga rivista in quanto appare in contrasto con il diritto dei R&T della SZN di poter scegliere i propri rappresentanti in seno al CS senza che organi dell’Ente possano selezionare i candidati, diritto peraltro già affermato prima dal TAR della Campania, con la sentenza n. 6262/2020, e successivamente dal Consiglio di Stato, con la sentenza n. 904/2022. In particolare, entrambe le sentenze hanno stabilito che un qualsiasi comitato di selezione rappresenta una grave limitazione del diritto del personale della SZN di eleggere i propri rappresentanti, nonché un potenziale strumento per eliminate candidature ritenute “scomode”.

 

Gianpaolo Pulcini

 

FGU-DR-ANPRI

Stazione Zoologica Anton Dohrn

http://

Related posts

Leave a Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: