News 

Notte dei Ricercatori: la scienza incontra la società civile per il futuro del pianeta

Roma, 24 settembre  – Sin dalla sua nascita, nel 2005, la “Notte dei Ricercatori” è un’iniziativa promossa dalla Commissione Europea che coinvolge ogni anno migliaia di ricercatori e istituzioni di ricerca in tutti i Paesi europei. Lo scopo è generare chance di incontro tra studiosi e cittadini per diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca in contesti diversi, più informali e stimolanti.
L’Italia ha aderito da subito con una molteplicità di progetti che ne fanno per tradizione uno dei Paesi Ue con il maggior numero di iniziative sparse sul territorio. Gli eventi comprendono esperimenti e dimostrazioni scientifiche dal vivo, mostre e visite guidate, conferenze e seminari divulgativi, spettacoli e concerti.
Per il 2021 la “Notte dei Ricercatori” del 24 settembre coinvolge in Italia sei progetti. LEAF, acronimo di “heaL the plAnet’s Future”, cura il futuro del Pianeta, è l’iniziativa dell’associazione Frascati Scienza e coinvolge ben 19 località nostrane. L’universo, il mondo subatomico, la biosfera, i beni culturali, le scienze umane, le scienze della vita, le tecnologie future e la sostenibilità sono invece i temi principali degli eventi organizzati nell’ambito del progetto ERN Apulia3. Poi c’è SHARPER, l’evento coordinato da Psiquadro in 16 città italiane: SHAring Researchers’ Passion for Engaging Responsiveness sintetizza l’obiettivo principale del progetto, ossia creare occasioni di coinvolgimento del pubblico per far conoscere il lavoro dei ricercatori e il suo impatto sociale.
Society Rinascimento è l’iniziativa coordinata da CINECA, con Università di Bologna, CNR, INFN, INAF, INGV e ComunicaMente, che porta la Notte Europea dei Ricercatori a Bologna, Cesena, Forlì e Predappio, Ravenna, Rimini e, per la prima volta, anche a Ferrara. Society Rinascimento ha l’obiettivo di mostrare e dimostrare che, dopo la crisi, la rinascita è possibile se cambiamo prospettiva e costruiamo una nuova alleanza tra umanità e natura. NET è invece un progetto di divulgazione scientifica che unisce ricerca e società civile con lo scopo di informare i cittadini circa le sfide globali dei cambiamenti climatici. Obiettivi simili, infine, per “SuperScienceMe – Research is your Re-generation”, promosso da Università della Calabria (capofila), Università di Catanzaro, Università di Reggio Calabria, Università della Basilicata, CNR, Regione Calabria e Regione Basilicata: l’evento punta ad aiutare tutte le generazioni a conquistare quelle conoscenze atte a indurre un cambio di rotta nei comportamenti di ognuno per trasformare le sfide climatiche e ambientali in opportunità.

Per approfondire:
https://www.nottedeiricercatori.it/#content

 

Related posts

Leave a Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: