Il ministro Lorenzin agli Stati generali della Ricerca sanitaria: valorizzare i ricercatori del Servizio Sanitario Nazionale…

Stati generali della ricerca sanitaria

 

Si sono svolti a Roma, nei giorni 27 e il 28 aprile, gli Stati Generali della Ricerca Sanitaria. L’evento è stato organizzato dal Ministero della salute con l’intento di mettere in risalto la realtà del mondo della ricerca sanitaria, un settore di grande valore etico e sociale, pur coi suoi limiti e criticità, e in grado di offrire significative opportunità di crescita per tutto l’indotto e per le diverse realtà che interconnette.

Al termine dei lavori, il ministro Lorenzin ha voluto sottolineare la centralità dei ricercatori degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale, e ha delineato un nuovo percorso professionale dei ricercatori del SSN, da realizzare entro la fine dell’anno.

Il nuovo percorso, che ha per obiettivi la continuità (“da non intendere come stabilizzazione”) e la competitività (“in quanto gli IRCCS agiscono in un contesto altamente competitivo”), si basa su un contratto di lavoro a lungo termine (10 anni + rinnovo di 5 anni) continuativo, se sussistono le seguenti condizioni:

  • condizione soggettiva: se il ricercatore è stato valutato positivamente sulla base di parametri predefiniti;
  • condizione oggettiva: se l’Istituto ha le risorse economiche.

Sono stati quindi presentati i bandi 2016 per la ricerca indipendente dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) da 30 milioni di euro e il Bando 2016 del Ministero della Salute per la ricerca finalizzata da 135 milioni di euro (più 13 milioni cofinanziati dalle Regioni).

 

Post correlati

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti