Pubblicato dal MIUR il Bando PNRA 2016 per progetti di ricerca sull’Antartide

Il 5 aprile il MIUR ha pubblicato il Bando PNRA 2016 nell’ambito del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA). Nato con l’obiettivo di promuovere ricerche, sperimentazione e cooperazione scientifica in un laboratorio a cielo aperto “unico” dal punto di vista ambientale e climatico, il PNRA – nei suoi 30 anni di storia – ha portato nel continente antartico più di 3.000 italiani e supportato la realizzazione di centinaia di progetti scientifici.

Il bando 2016, dal valore complessivo di 6 milioni di euro, disciplina le procedure per il finanziamento delle attività di ricerca volte ad approfondire le conoscenze in Antartide e, in particolare, a raggiungere una migliore comprensione dei processi di interazione e connessione tra i diversi “comparti” del sistema Terra quali criosfera, idrosfera, atmosfera, biosfera e litosfera. Con l’obiettivo di promuovere possibili integrazioni e comparazioni, le attività finanziate dal bando potranno riguardare anche aree al di fuori della regione antartica.

Lo stanziamento complessivo è suddiviso sulle due linee di intervento in cui si articola il bando, ossia:

  1. Proposte di ricerca con attività in Antartide su una delle piattaforme fisse e mobili italiane (la stazione Mario Zucchelli, la stazione Concordia, la nave da ricerca oceanografica, la nave da ricerca geologico-geofisica) in connessione con lo sviluppo delle campagne antartiche (importo 5,3 milioni di euro);
  2. Proposte di ricerca con attività nelle regioni polari su piattaforme fisse e mobili di altri paesi e/o nell’ambito di iniziative internazionali (700.000 euro).

Le proposte di ricerca riguarderanno prioritariamente le seguenti tematiche: dinamica del-l’atmosfera e processi climatici; dinamica della calotta polare; dinamica della Terra solida ed evoluzione della criosfera; dinamica degli oceani polari; relazioni Sole-Terra e space weather; l’Universo sopra l’Antartide; evoluzione, adattamento e biodiversità; l’Uomo in ambienti estremi; contaminazione ambientale, paleoclima; problematiche e rischi ambientali; tecnologia: innovazione e sperimentazione.

Possono partecipare al bando le Università e istituzioni universitarie italiane, statali e non statali, comprese le scuole superiori a ordinamento speciale, gli enti e le Istituzioni Pubbliche Nazionali di Ricerca vigilati dallo Stato, nonché altri organismi di ricerca in possesso di specifici requisiti.

Le domande dovranno essere trasmesse entro le ore 12.00 del 6 maggio 2016 utilizzando il servizio telematico SIRIO.

La valutazione dei progetti, affidata alla Commissione Scientifica Nazionale per l’Antartide (nominata solo pochi giorni fa, come di seguito riportato in questa stessa Newsletter) che acquisirà anche il parere di esperti internazionali, sarà effettuata in base ai seguenti criteri: qualità della proposta, qualità dei soggetti proponenti e impatto della proposta.

Una particolare valutazione premiale sarà assicurata alle proposte coordinate da giovani ricercatori, anche al fine di favorire il necessario ricambio generazionale all’interno del sistema nazionale della ricerca.

.

Post correlati

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti