Comunicati CNR 

Comunicato del 18 febbraio 2019 Sviluppo professionale di ricercatori e tecnologi: tavolo tecnico del 15 febbraio 2019 per ex Art. 15

Il giorno 15 febbraio 2019, con un rinvio di due giorni ma in linea con la tempistica concordata nell’incontro con l’Ente del 31 gennaio 2019, si è tenuta la riunione del tavolo tecnico convocata su “Art. 15 CCNL – Opportunità di sviluppo professionale dei ricercatori e tecnologi” alla quale ha partecipato la delegazione di FGU-Dipartimento Ricerca, con altre OO.SS. Alla riunione hanno preso parte per il CNR il Presidente, il Direttore Generale e il Direttore dell’Ufficio Centrale Gestione delle Risorse Umane.

Il Presidente, dopo un’introduzione generale sulle problematiche dell’Ente e dopo aver espresso la volontà dell’Ente di avviare procedure di avanzamento di carriera ex Art. 5 del CCNL 2002-2005, ha chiesto alle OO.SS. di esprimere la loro posizione sul punto all’ordine del giorno.

FGU-Dipartimento Ricerca, intervenuta per prima, nel prendere positivamente atto della volontà espressa dal Presidente ha ritenuto di dover rimarcare e ribadire l’improrogabile urgenza e l’importanza delle progressioni di carriera per Ricercatori e Tecnologi e l’assoluta necessità di utilizzare l’ex Art. 15 ed altre possibili modalità (scorrimento graduatorie idonei) per affrontare una condizione divenuta straordinaria e dare quindi risposte soddisfacenti alla gran parte del personale Ricercatore e Tecnologo, in larga parte ancora al terzo livello e in grande sofferenza per la mancanza di opportunità di sviluppo di carriera da ormai troppo tempo. Nello specifico, FGU-Dipartimento ha evidenziato la necessità di modificare le Aree concorsuali rispetto a quelle adottate nell’ultima tornata di concorsi, di quasi dieci anni fa, la cui eccessiva ampiezza ha reso le ultime selezioni Art.15 tormentate, interminabili e totalmente inadeguate per superare la grave stagnazione, oggi ancora più grave, nel riconoscimento dello sviluppo professionale di Ricercatori e Tecnologi del CNR. FGU-Dipartimento Ricerca, facendo riferimento alle segnalazioni ricevute da ricercatori e tecnologi ed alle informazioni che, su richiesta di FGU e con positiva disponibilità, sono state fornite dall’Amministrazione alle OO.SS., ha quindi un possibile percorso per pervenire alla definizione di Aree concorsuali sostenibili, efficaci e condivise. In particolare, FGU ha evidenziato l’opportunità di partire, assumendo come riferimento i Settori Scientifici universitari, da un’attenta valutazione degli attuali Ambiti scientifico-disciplinari che tenga conto della percentuale di afferenza agli stessi da parte di Ricercatori e Tecnologi. L’obiettivo deve essere la definizione di Aree concorsuali accordate con la specificità dello strumento ex Art. 15, pensato per valorizzare percorsi di carriera che si sono sviluppati in un arco temporale incongruamente esteso, tra priorità scientifiche e condizioni al contorno diverse da quelle attuali. FGU-Dipartimento Ricerca ha anche sottolineato un aspetto di assoluto rilievo per la buona riuscita di questa importante fase di preparazione: la necessità di far partecipare direttamente ed attivamente Ricercatori e Tecnologi interessati al processo di rimodulazione delle Aree concorsuali, con la loro consultazione da parte dei Consigli di Istituto, ed a valle dell’espletamento degli adempimenti di competenza dei Consigli Scientifici di Dipartimento e del Consiglio Scientifico dell’Ente. FGU-Dipartimento Ricerca ha concluso il suo primo intervento manifestando la propria disponibilità ed intenzione a fornire contributi specifici sulla questione trattata, facendosi da tramite dei ricercatori e tecnologi che rappresenta.

Il Presidente, intervenendo, si è detto in accordo con FGU sull’importanza delle progressioni di carriera, ha ricordato che le Aree Strategiche sono state introdotte per evitare concorsi ad personam, che il principio del raggruppamento di più ambiti è di fatto “irreversibile”, ma si è detto consapevole della necessità di opportuni aggiustamenti delle Aree concorsuali. Riguardo la possibilità di effettuare scorrimenti di graduatoria dei concorsi liberi per Dirigente di Ricerca e I Ricercatore, dove circa il 90% dei vincitori è risultato essere personale interno e parte delle risorse dedicate risultano ancora disponibili, ha comunicato che è positivamente valutata da parte dell’Ente. Ha ancora aggiunto che è intenzione dell’Ente far precedere i concorsi ex Art.15 dall’attuazione delle procedure di mobilità orizzontale tra profili Ricercatore e Tecnologo (ex Art. 65) e quindi di bandire in sequenza prima concorsi per I Tecnologo e Dirigente Tecnologo e, subito dopo, quelli per I Ricercatore e Dirigente di Ricerca.

Si sono succeduti gli interventi delle altre OO.SS. presenti sul punto previsto dall’incontro programmato e su una serie di altre questioni, tutte di interesse, la cui incidentale trattazione ha tuttavia impedito un secondo intervento organico sulla questione oggetto del tavolo tecnico convocato. Pertanto, al fine di accelerare i tempi di discussione sulle specifiche questioni ex Art. 15, FGU-Dipartimento Ricerca farà pervenire all’Ente le proprie considerazioni riguardo la tempistica prospettata per lo svolgimento dei concorsi ex Art. 15.

Nel corso delle diverse interlocuzioni con le OO.SS. presenti il Presidente ha fornito informazioni riguardo i seguenti ulteriori punti:

  • Approvazione definitiva del Regolamento di Organizzazione e Funzionamento ed intenzione dell’Ente di avviare a breve le procedure per l’elezione di due Ricercatori per ciascuno dei Consigli Scientifici di Dipartimento e di tre Ricercatori nel Consiglio Scientifico Generale;
  • Definizione e pubblicazione a breve delle commissioni per i 145 posti di Ricercatore III livello già banditi;
  • Pubblicazione a breve delle commissioni dei concorsi comma 2 per Dirigente Tecnologo, I Tecnologo e Tecnologo;
  • Stabilizzazione nel rispetto della legge e delle disponibilità economiche degli aventi diritto e loro mantenimento in servizio nelle more del completamento delle procedure.

La riunione si è conclusa con l’impegno di mantenere un costante confronto ed impegno su ex. Art. 15 ed altri strumenti sino alla soluzione della straordinaria condizione di sofferenza delle progressioni di carriera di Ricercatori e Tecnologi.

FGU-Dipartimento Ricerca-Sezione ANPRI CNR

https://www.anpri.fgu-ricerca.it/wp-content/uploads/2019/02/20190218_com_CNR_art-15.pdf

Post correlati

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti